PESCATO NELLA RETE


La sicurezza del vaccino contro difterite, tetano e pertosse


= citazione di un antivaccinista        = il mio commento


"Segnalo uno studio pubblicato sulla rivista Pediatrics del 7 gennaio 1998 secondo cui il vaccino DTP è uno dei sette farmaci più pericolosi al mondo considerando come indice di pericolosità il ricovero dei bambini sotto i due anni in reparti di terapia intensiva."

Claudia Benatti durante una chat del 21/12/2001

La nota e prestigiosa rivista medica "Pediatrics" nel 1998 pubblicò uno studio che prendeva in considerazione numerosissimi farmaci e stilava una sorta di classifica di quelli che più spesso avevano reso necessario il ricovero di bambini in terapia intensiva. Ebbene, il vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse (DTP) era al settimo posto. Questa notizia non è mai stata fatta circolare in maniera diffusa.
Rif.: Mitchell, Lacouture, Sheehan, Kauffman, Shapiro, Adverse drug reactions in children leading to hospital admission, Slone Epidemiology Unit, University School of Public Health. Pubblicato in "Pediatrics", 7 gennaio 1998

Pagina 10 del libro "Vaccinazioni tra scienza e propaganda" Claudia Benatti, Franco Ambrosi, Carla Rosa - Editore Il leone verde - prima edizione 2006

Nel 1998 la rivista medica "Pediatrics" pubblicò uno studio che fece nascere una certa preoccupazione, ma a questa non seguirono modifiche nell'utilizzo del prodotto. I medici autori della pubblicazione, ache avevano esaminato un campione di alcune migliaia di bambini, hanno affermato che tra i farmaci che provocano più frequentemente il ricovero in sale di terapia intensiva c'è anche il vaccino DTP."

Pagina 128 del libro "Vaccinazioni tra scienza e propaganda" Claudia Benatti, Franco Ambrosi, Carla Rosa - Editore Il leone verde - prima edizione 2006

Ho impiegato un po' a trovare questo studio perché la data riportata nel libro di Claudia Benatti era sbagliata. In realtà il lavoro risale a 10 anni prima e riguarda il vaccino vecchio DTP che non è più in uso nei paesi industrializzati da molti anni. La data non è quindi il 7 Gennaio 1998 ma il 1 Luglio del 1988

Claudia Benatti afferma, che su un campione di migliaia di bambini il vaccino DTP (lasciando credere che è quello con cui i nostri bambini vengono immunizzati oggi) risulta fra i farmaci che provocano più di frequente il ricovero in sala di terapia intensiva.

Primo: Migliaia di bambini erano solo quelli ricoverati all'ospedale per qualsiasi motivo (non tutti per reazioni avverse a farmaci). Di preciso erano 10.297. Di questi sono stati ricoverati in sala di terapia intensiva per cause di reazioni avverse ai farmaci 6 (SEI!!!). Questi 6 bambini su 10.297 ricoverati in totale avevano una reazione ad uno di vari farmaci.

I 10.297 bambini sono stati suddivisi così:

  • 3.026 - ricoverati in sala di terapia intensiva neonatale - di cui lo 0,2% per reazioni avverse a farmaci = 6 bambini

  • 725 - bambini malati di cancro di cui il 22% (=160 bambini) sono stati ricoverati per reazioni avverse a farmaci.

  • 6.546 - bambini di cui il 2% (130) è stato ricoverato per reazioni avverse a farmaci in reparti normali o specializzati

Quindi i migliaia di cui scrive Claudia nel libro sono in realtà 296 su un numero totale di 10.297. Di questi 296 solo 6 bambini sono stati ricoverati in sala di terapia intensiva neonatale (i neonati non vengono ancora vaccinati conto il DTP, quindi dubito che uno di questi 6 bambini sia arrivato lì a causa del vaccino).

Perciò dire ai genitori, che oggi sono davanti alla decisione di vaccinare i propri bambini, che il vaccino contro tetano, difterite e pertosse sia a livello mondiale al settimo posto dei farmaci più pericolosi, è il massimo di irresponsabilità. E' vero il contrario: il vaccino evita milioni casi di sofferenza e di morte per pertosse, difterite e tetano.

Home

copyright © Ulrike Schmidleithner - info ( at ) vaccinfo.it - 2008 - 2014 tutti i diritti riservati